Amadeus Strumenti Musicali Corso Italia 385 Piano di Sorrento
Breaking News

Sorrentoedintorni.it News, Messaggi, Mercatino. Il sito Comunity degli abitanti della penisola Sorrentina

Condannata la mamma che faceva prostituire la figlia sedicenne

Articolo  Vico Equense
Line Spacing+- AFont Size+- Print This Article
Scritto da: METROPOLISWEB Paese: Vico Equense

Condannata la mamma che faceva prostituire la figlia sedicenne

Una madre che la costringeva a prostituirsi, a soli 16 anni, per poche decine di euro. Un inferno di incontri hard con uomini più grandi di lei, inghiottiti dal tempo e spariti nel nulla dopo gli abusi datati 2007. Una casba di rapporti sessuali consumati un po’ ovunque, fra Vico Equense e Castellammare di Stabia. E’ l’incubo vissuto sulla propria pelle da una ragazzina che avrebbe voluto soltanto una vita diversa, normale. E che, nonostante tutto, trovò il coraggio per denunciare quell’orrore e chiedere finalmente giustizia. Ottenendola. Perché la seconda sezione della Corte d’Appello di Napoli (presidente Carlo Maddalena, a latere Carlo Alifano e Fernando Giannelli) non ha usato mezze misure. E dopo sette ore di camera di consiglio, ha confermato le condanne giunte in primo grado per la «mamma orco» e il suo complice. Dieci anni a Carla De Angelis, 56enne di Vico Equense, imputata per sfruttamento della prostituzione minorile (rispetto alla sentenza emessa in primo grado dal Tribunale di Torre Annunziata nel 2012 - pena di 12 anni - la donna ha ottenuto un piccolo sconto), 7 invece a Ciro Mazza, 55enne dipendente della Circumvesuviana di Torre del Greco finito alla sbarra con l’accusa di violenza sessuale. A favore della vittima, è stata riconosciuta una provvisionale totale di 100mila euro (60mila euro per la madre, 40mila euro per l’uomo) mentre è ancora in corso il giudizio civile per il risarcimento danni. La ragazza non ha voluto seguire le udienze del giudizio d’appello. Costituitasi parte civile nel giudizio e rappresentata dall’avvocato Maurizio Capozzo, ha pianto a dirotto appena ha saputo della sentenza d’appello. Provata, ancora con il cuore a pezzi, oggi sta tentando di rifarsi una vita. La vicenda risale al 2007 quando dopo aver subìto una caterva di abusi e violenze, decise di chiedere aiuto allo sportello anti-stalking di Sorrento dell’avvocato Luigi Alfano (che l’ha seguita da legale della parte offesa nella prima parte del giudizio di primo grado) presentando una denuncia su cui si mosse la Procura della Repubblica di Torre Annunziata. Il Monte Faito e la stazione della Circumvesuviana di Vico Equense fecero da teatro alle violenze. Il tutto contro la sua volontà e quando non aveva ancora compiuto 18 anni. Una storia triste, sconcertante, che la ragazza scelse di raccontare anche all’allora parroco di Sant’Agnello, lì dove la giovane si trasferì proprio per allontanarsi dalla famiglia d’origine e dalla madre che con l’apporto di un complice, secondo l’accusa e le sentenze della magistratura, obbligava la giovane a svendere il suo corpo. Così come avvenuto in primo grado, sia Carla De Angelis che Ciro Mazza hanno respinto le accuse. «Solo invenzioni». Versione però non accolta dai giudici che hanno confermato le condanne per i due imputati.

 

FONTE METROPOLISWEB

Altri Articoli per: Vico Equense
Raccolta Spartiti Vasco Rossi
Samsung Monitor TFT 24
Bracciale con abete
BOUQUET SUMMER01

Iscriviti alla Nostra Mailing List